Eraclito

 

Connect the dots

24 dicembre 2011 alle 13:41




Hanno fatto molto rumore le affermazioni del Ministro dell’Istruzione Profumo sull’utilizzo dei libri elettronici nelle scuole. Il tema è complicato anche perché investe un ambiente economico e sociale già presidiato. Ci sono le aziende editoriali che si occupano di didattica (sulle quale si potrebbe dire molto), ci sono programmi scolastici molto cambiati negli ultimi anni a cavallo delle innumerevoli riforme, strumenti tecnologici già previsti che stentano a prendere piede (le famose lavagne interattive). Ora io mi permetto solo di elencare una serie di punti fermi, poi il tratto di matita che unisce i puntini mettetelo eventualmente voi.

- il wifi è ormai previsto in tutte le scuole statali
- Gli zaini pesano
- il web è il repository ideale per contenuti didattici in progress
- Le schede fotocopiate consegnate alle elementari sono tristi
- i tablet o gli ebook reader hanno ormai costi abbordabili
- il software oggi disponibile su simili device non è pensato per la didattica

2 commenti a “Connect the dots”
 
Massimo Santi scrive:

La scuola italiana tecnologicamente è a livello di terzo mondo (possibile che brillanti laureati in ingegneria non sappiano nemmeno usare un foglio di calcolo?).
Ma proprio come i Paesi del terzo mondo, l’Italia può (e deve) saltare le tappe.
Quindi ben vengano ebook e altro. Se poi queste tecnologie hanno ancora dei problemi, chi meglio di chi le sperimenta può risolverli e crearsi un lavoro e un mercato?

Profumo è un tecnico pragmatico e, paradossalmente, è più utopoista di un politico: con tutti i problemi di carattere economico, dal costo del tablet ali contraccolpi sull’industria editoriale, basterebbe una buona sperimentazione su un buon campione di istituti.

Lascia un commento

Campo obbligatorio Inserire il nome Non verrà visualizzato Inserire indirizzo valido Inserire il commento
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio

Cerca nel Blog

L'autore del Blog

Massimo MantelliniL'autore di Manteblogscrive su Telecom Italia
Chi è Massimo Mantellini

Massimo Mantellini è uno dei più noti commentatori della rete italiana. Blogger, editorialista per Punto Informatico, L'Espresso e IlSole24ore, si occupa da oltre un decennio dei temi legati al diritto all'accesso, alla cultura informatica e alla politica delle reti.

Articoli recenti

Commenti recenti

  • low blood pressure ha scritto
    I like the valuable information you provide in your articles. I'll bookmark your blog and check ...
    Su "Rinascimento digitale italiano? " il 21 agosto alle ore 16:54
  • Nemo ha scritto
    La differenza è che a un messaggio in Twitter non puoi piú rispondere dopo una settimana, perché ...
    Su "La fine dell'email? " il 21 giugno alle ore 9:56
  • .mau. ha scritto
    però se Google Italia si sposta in via Confalonieri, potrei anche pensare di propormi. Sarebbero du...
    Su "Se anche Google piange " il 18 giugno alle ore 9:46
  • massimo mantellini ha scritto
    @.mau. appunto, solo che prima non erano stati acquisiti da terze parti. Lo spiega meglio Ars Techni...
    Su "Tutelo i tuoi dati anzi no " il 7 maggio alle ore 13:38
  • .mau. ha scritto
    Lo dicevano già prima: «We do not disclose an individual user’s data to third parties unless [.....
    Su "Tutelo i tuoi dati anzi no " il 7 maggio alle ore 12:00
  • Pier Luigi Tolardo ha scritto
    Sono d'accordo con te e già il Team Twitter di Telecom Italia, Tim su FB, le App sono una risposta,...
    Su "Come faccio a... " il 14 febbraio alle ore 12:42

Archivio del blog